Rifugio Carestiato

Parete della Moiazza

Salita al Rifugio Carestiato – mt. 1.834

Un luogo facile da raggiungere, meta perfetta per un’escursione con i bambini, anche per i più piccoli se portati nello zaino. Questa è una delle nostre prime uscite con la piccola Lodovica, che ora ha 8 mesi! 🙂

Partiamo dal Duran, il passo che collega l’Agordino con lo Zoldano. Una volta parcheggiata l’auto imbocchiamo il sentiero che sale dietro ai Rifugi Tomè e San Sebastiano, molto ben segnato dagli appositi cartelli. Inizialmente saliamo su pascoli, poi il sentiero si allarga e si sviluppa lungo leggeri saliscendi.

Il Rifugio Carestiato è situato ai piedi della parte meridionale della Moiazza, una volta arrivati potrete ammirarne la grande parete di roccia grigia e rosa. Da qui godrete inoltre di una splendida vista verso il Gruppo del San Sebastiano e l’Agordino.

Vi consigliamo di fermarvi ed assaggiare un piatto di cucina locale, inoltre il rifugio offre posti letto per dormire e abbondanti colazioni per un ottimo risveglio.

Siamo già state qui mentre percorrevamo l’Altavia 1 delle Dolomiti (date un’occhiata alla sezione dedicata del nostro sito!), un’altra via di accesso infatti parte poco prima del Rifugio Vazzoler, segnavia CAI 554. Il Rifugio Carestiato costituisce inoltre la partenza per ascese sulla Moiazza e la via ferrata Costantini.

Vista dal Passo Duran sul San Sebastiano

Vista dal Passo Duran sul San Sebastiano

Partenza dal Rifugio San Sebastiano

Partenza dal Rifugio San Sebastiano

La parte iniziale del sentiero

La parte iniziale del sentiero

Rifugio Bruto Carestiato

Rifugio Bruto Carestiato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *